Veneziani, lascia stare Pertini!

Il nostro collettivo, e di conseguenza il blog, non si occupa strettamente di politica, ma se lo fa è solo per tirare le orecchie a chi fa pessimo uso dei mass media a difesa di una politica guasta. La Easy Phoney Production è una factory indipendente che si occupa anche di comunicazione e non ci piace quando questa viene deviata e distorta in nome di chissà quale Arsenio Lupin istituzionale.  Su Il Giornale è accaduto un fatto gravissimo, il giornalista Veneziani, pur di distogliere l’attenzione dalla collezione di processi del premier, ha abusato della carta stampata per diffamare la figura di Sandro Pertini, il più grande presidente della Repubblica che ci sia mai stato. Quando i berluscones del giornalismo finiscono l’elenco delle persone vive, non esitano a disturbare anche il sonno dei morti pur di tentare d’alleggerire l’enorme lista di reati del nostro capo del governo. Il guasto articolo di Veneziani tenta, con comicità e provocatorietà assoluta degna del miglior troll informatico, di riabilitare in modo sciocco la figura di Silvio a scapito di quella del Partigiano Pertini. L’accusa che l’intellettualoide di destra muove a Pertini (episodio rappresentato come cosa più grave dei magheggi di Lavitola)  è quella di aver elegiato Stalin in quel famoso discorso quando Pertini era capogruppo socialista. Premettendo che Stalin sia una fgura aberrante, noi ci gettiamo sul viso acqua fresca e, a differenza di Veneziani, ci svegliamo un po’ riguardo all’episodio in questione, visto che all’epoca, ingenuamente, le sinistre italiane guardavano all’Urss con ammirazione. Si getti un po’ d’acqua fresca in faccia anche lei, Veneziani, e studi la Storia contestualizzandola invece di calunniare in modo demenziale un grande uomo come Pertini solo per difendere il tuo capo. Proviamo vergogna e disgusto per questo giornale del gruppo Berlusconi, perché se c’è un istigatore d’odio è proprio quello squallido pezzo di carta che siamo costretti a vedere nelle nostre edicole.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...