UN FILM AL GIORNO: BOWFINGER

Davvero curiosa l’esplorazione cinefila fatta da Frank Oz (brillante regista di commedie come “In & Out” e di remake, purtroppo in versione musical, come “La Piccola Bottega Degli Orrori”). Il regista, insieme al grandioso contributo di Steve Martin, Heather Graham e Eddie Murphy, ci regala una commedia brillante/demenziale sul “Fare Cinema”. Si parte da un soggetto scritto da Bobby Bowfinger (Martin) regista indipendente ansioso di una vera opera prima. Bobby ritrova in soffitta un gruzzolo di circa mille dollari, messi da parte da una vita, per girare il suo primo film. Il copione si chiama “Chubby Rain” (Pioggia Cicciosa) e si tratta di un B-Movie fantascientifico con una trama inverosimile, comica e fantasiosa; Bowfinger, come Ed Wood (regista “scrauso” realmente esistito, protagonista del film “Ed Wood” di Tim Burton del 1994, interpretato da Johnny Depp), ricco di entusiasmo espone il proprio progetto a produttori hollywoodiani che, però, rifiutano. Per produrre il film, riesce a strappare una promessa a un produttore esecutivo che distribuirà il film solo a condizione che ci sia nel cast Kit Ramsey (Murphy), “stellone” cinematografico sofferente di paranoia schizoide e iscritto a “Mind-Head” (parodia di scientology). Anch’esso rifiuta  però Bowfinger non molla: Kit Ramsey ci sarà, volente o nolente. La troupe di “Chubby Rain” esegue il casting per trovare un attre nero per i primi piani. Viene preso Jiff, un ragazzo di colore imbranato (sempre Murphy) che poi scopriranno essere il fratello di Ramsey che useranno per scovare gli spostamenti di Kit e, nei ruoli rispettivamente di una donna matura e della ragazza co-protagonista, Carol (Christine Baransky) e Daisy (Heater Graham). Ramsey, come già detto paranoico, si troverà di fronte i personaggi del film, che NON starebbe girando, a creare intorno a lui situazioni riguardanti alieni e complotti come nel copione. Ramsey va in esaurimento e si ricovera alla “Mind-Head” sotto le cure del guru della setta (il pasoliniano Terence Stamp, anche guru in “Yes Man”). 

Si crea poi un  grosso problema. Ramsey ricoverato. La produzione è cancellata. Manca solo la scena in cui il personaggio interpretato da Ramsey sale sul tetto dell’osservatorio e grida agli alieni “beccati, stronzacchioni!”, impossibile da realizzare data la scoperta fatta dagli ufficiali della “Mind-Head” di aver portato al tracollo nevrotico Ramsey. Bowfinger è sconsolato, dopo numerose furberie per girare senza permessi, magheggi monetari e quant’altro vede il suo progetto svanire in fumo. Unica salvezza è il materiale del suo cameraman, che ha girato delle immagini di Kit Ramsey di nascosto nella sua vita quotidiana. Grazie a queste finiscono “Chubby Rain” e Bowfinger diventa un grande cineasta di B-Movies ottenendo un  contratto in Cina in cui è scritto che dovrà girare film con Jiff. 

Film demenziale ma che suscita un certo interesse sul fare del cinema. Molto simile alla serie italiana, e al film, “Boris”, anche se successiva al film. Gli elementi in comune ci sono tutti: la feroce satira verso il sistema produttivo e di marketing del Cinema. Il divo paranoico ed egocentrico (Stanis La Rochelle di “Boris” è molto simile a Kit Ramsey). L’attricetta sgallettata disposta a far carriera con ogni mezzo (Daisy, di questo film, e Corinna Negri di “Boris” si somigliano molto, anche fisicamente). Il regista a volte bonario e a volte no che gira “a cazzo di cane” (Ferretti di “Boris” sembra separato dalla nascita da Bowfinger). E’ una pellicola che anticipa una certa satira sul “filmaking”. Un continuo sberleffo, a volte anche cinico, su ciò che circonda il sistema intero della cinematografia. Un elogio alle autoproduzioni. Si ride, insomma, ma intelligentemente.

Soggetto dello stesso Steve Martin.

FRANCESCO PASANISI

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...