UN FILM AL GIORNO: NON SI SEVIZIA UN PAPERINO

Dopo una gavetta di tutto rispetto nel mondo delle commedie targate Totò e Franco e Ciccio, dopo aver creato assieme a Steno il popolarissimo personaggio di Nando Meniconi impersonato da Sordi in “Un americano a Roma” (1954), Lucio Fulci, a partire dagli anni Settanta, si getta a capofitto nel noir, nel thriller e nell’horror sino all’anno della propria morte, il 1996. Il film di oggi ha un titolo che, prima della visione, suscita ilarità o perplessità. “Non Si Sevizia un Paperino” (1972) è, invece, uno dei più inquietanti e crudeli gialli/horror della storia del cinema italiano. Il nostro Dottor Fulci (si è quasi laureato in medicina e chirurgia scegliendo, però, il mondo del cinema) ci confeziona un prodotto “rurale” e iperrealista unito ad una trama hitchcockiana. 

Ad Accettura, paese immaginario e minuscolo del Sud Italia, si consuma la tragedia di tre bambini uccisi in circostanze misteriose. Non sarà facile per Patrizia (Barbara Bouchet), giovane ragazza libertina e viziosa mandata come “in esilio” nel paese dal padre per allontanarla da ambienti “Beatnik”, e per il giornalista Martelli (Tomas Milian) vivere in un simile clima paesano, già di per sé retrogrado e superstizioso, e ancor meno difficile (per Martelli soprattutto) sbrogliare il caso. Accettura è il classico paese di montagna piccolo, poco abitabile e legato ancora ad alcuni retaggi che oggi farebbero ridere. La comunità vive in totale sudditanza dei precetti parrocchiali del luogo. Il parroco, il giovane Don Alberto (l’attore francese Marc Porel che nel 1980, nei panni di un ufficiale napoleonico, spalleggerà Alberto Sordi nel film “Il Marchese del Grillo) sembra un uomo affabile, mansueto e molto attaccato ai suoi compaesani, specie ai bambini, per i quali organizza partite di calcetto e li tiene lontani da tentazioni peccaminose, arrivando persino a chiedere ad un suo amico edicolante di non accettare pubblicazioni oscene. Un terzo personaggio che non gode proprio d’ospitalità ad Accettura è la Maciara (Florida Bolkan), una giovane ragazza madre credente ed osservante di certe pratiche esoteriche simili al Voodoo.

La Maciara è vista dai compaesani come una creatura demoniaca e, all’avvento degli omcidi, l’odio verso di lei sale. Come in una tragedia greca, la Maciara si condannerà da sola ammettendo, dopo l’arresto, di aver gettato un malocchio sui tre bambini uccisi. Grande errore sarà della polizia di scagionarla e liberarla (in fondo una malia non costituisce reato, giusto?). E’ libera, dicevamo, ma un “blitz” di quattro uomini accetturini (tre di essi padri delle vittime) le fanno un appostamento e, come freddi e silenziosi automi, la massacrano con pugni, bastoni e catene. La Maciara muore, ma avviene un altro delitto. Martelli e Patrizia, rischiando la vita e salvando Maldina, sorellina ritardata di Don alberto, scopriranno il vero colpevole. 

Un giallo tutto italiano, a volte con atmosfere pasoliniane e neorealistiche. Fulci e il suo co-sceneggiatore Roberto Gianviti offrono allo spettatore un horror show tutto umano in cui il manicheismo viene messo da parte e il clero non se ne esce tanto bene. E’ un giallo che espone la feroce critica verso i paesi retrogradi e isolati, isolamento di cui sono complici le istituzioni, in cui gli abitanti vivono nell’ignoranza e nell’abbrutimento. C’è un serial killer di bambini ad Accettura, ma gli abitanti del piccolo comune (vittime comprese!) non sono meno cattivi del personaggio negativo “ufficiale”. Sono tutti quanti “ufficiosamente” delle carogne: le giovanissime vittime ammazzano a pietre le lucertoline, riesumano il neonato morto della Maciara solo per farla arrabbiare, spiano le prostitute; i più grandi non esitano a macchiarsi di efferata violenza criminale in nome di una giustizia privata che si basa sulla superstizione. 

Questo è “Non Si sevizia Un Paperino”, pellicola che suscitò numerose polemiche, tacciata d’ogni cosa, pedofilia compresa. Questo per via della scena in cui la Bouchet gira in nudo integrale di fronte ad un ragazzino, che in verità anni dopo si scopre essere un nano usato nei controcampi mentre il bambino nei primi piani recitava senza l’attrice.

Film ispiratore, naturalmente, di Tarantino. E’ d’obbligo accomunare la scena della tortura di Mr. Blonde in “Le Iene” (1991) a quella della morte della Maciara: gli effetti cruenti, il sadismo, l’arma bianca e soprattutto la musica radiofonica che viene accesa (ne “Le iene” da una radiolina di Mr. Blonde, in questo film dallo stereo della macchina dei “papà incacchiati”) sono inevitabilmente combacianti. 

Le musiche di alcune scene anticipano il cinismo pulp di pellicole più recenti; la Maciara viene trucidata con in sottofondo “Rhythm” di Louis Bacalov e Riccardo Cocciante (già soundtrack del film “Roma Bene” di Carlo Lizzani del 1971) e a seguire “Quei Giorni Insieme a Te” di Ornella Vanoni e Riz Ortolani (autore anche della OST di tutto il film). I brani danno una curiosa contrapposizione fra la drammaticità della situazione, il pezzo della Vanoni è riproposto anche durante la cruenta morte dell’assassino, e questa musica un po’ più scanzonata o romantica.

Fulci Lives!

FRANCESCO PASANISI

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...