I NON-FILM DELLA DOMENICA: COME TE NESSUNO MAI

E’ incredibile come Muccino sia stato così controcorrente sin dall’inizio. Alcuni registi “alternativi” hanno iniziato con opere interessanti, cattivelle e simpaticamente bizzarre e low cost per poi finire fagocitati da un circuito buonista e generazionale guasto che dà alla luce soap operas stucchevoli travestite da film “ggiovanile”.

...Peni invisibili...

Muccino ha già iniziato così, già con amenità da zaino Seven. Il non-film di oggi è “Come Te Nessuno Mai” (1999), secondo film del Nostro crepuscolare ed esagitato cineasta romano. Dopo averci fatto vedere le tette della Bobulova in “Ecco Fatto” (1998), film precedente di Muccino, questa volta si sofferma di più sulle crisi esistenziali ad capocchiam degli adolescenti, gli amori, l’inquietudine e llallallalla e llellellelle….

Gli intrepidi occupadores sienza motivo del liceo.

Di cosa parla questa polpetta? Parla di due amici incannizzati e col testosterone visibile ad occhio nudo, incompresi dai genitori, dagli altri gruppi del loro stesso liceo e soprattutto dal gentil sesso. Il protagonista è Silvio Muccino, fratello del regista, il quale qui è privo della “s” farfallina che ha ora. Si vede che gli è venuta dopo la prima del film, ci sarà stato sicuramente qualche eroe che gli ha dato sul muso un chiavone da pozzo artesiano all’uscita del cinema.

Senza farla troppo lunga, “Come Te Nessuno Mai” tenta di mescolare la telenovela per ninfomani under 18, la politica studentesca, le canne (quelle sempre, mi raccomando) e le corse ansiose a cazzo di cane, che ormai sono un marchio di fabbrica di Muccino. Tolte queste, infatti, i suoi film durano 50 minuti. Silvio Muccino, dicevamo, è uno studente cannabinoide e “ribbelle yeah” che occupa all’insaputa dei genitori il liceo insieme agli altri. Non si capisce bene perché lo vogliano occupare, ma, transeat, lo fanno lo stesso.

Dediti alla pulizia dei fagiolini.

Ovviamente alla guida del Movimento c’è uno rasta, fricchettone, polemico, cannabistico e scopatore. Evviva i luoghi comuni! In tutto questo il protagonista è innamorato di una che vuole farsi, ma lei si fa tutti gli altri tranne lui all’occupazione. Nel finale scoperà sul terrazzo la sua migliore amica e noi assistiamo ad una scena pseudo-hard ma comica al tempo stesso. Lui e lei all’addiaccio che fanno su e giù e, ovviamente, nessuno è nei paraggi, alle 4 del pomeriggio. Ai confini della realtà.

L’unica scena decente è quella quando combattono contro i fasci. Lì si tifa per 40 secondi e 28 decimi per il protagonista, ma si sa, contro di lui c’è un fascio, quindi…. “Come Te Nessuno Mai”, e chiudo, è anche un pezzo di poesiola alla Baci Perugina che trovate nel film. Grande Muccino, continua così, le domeniche saranno sempre più interessanti.

Si inizia la smadrappata in terrazza, notare lei che sta per ridergli in faccia.

FRANCESCO PASANISI.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...