Easypedia: il leghista

Il leghista (Australopitecus Eucharyota no cerebrus) è una specie animale appartenente alla preistoria ma molto longeva, infatti è ancora esistente rispetto ad altra fauna risalente a quel periodo. Il leghista riappare tra noi nei primi anni Novanta, quando un friulano ubriaco come un’accetta, in un museo di storia naturale inciampò nel cavo che mantaneva la temperatura sotto zero di una teca.  In suddetta teca riposava il corpo di Umberto Bossi, ultimo, fino a quel momento, esemplare del leghista. Lo scongelamento riportò in vita il corpo. Dopo una settimana parte del settentrione si esprimeva con grugniti, puzze e rutti sbandierando un vessillo simile a quello di una foglia d’erba (e su questo i comportamentisti di tutta Europa hanno un dubbio unanime che unisce abuso di tetraidrocannabinolo a ragionamenti ad minchiam dei legaioli).

IDEOLOGIA

Il leghista odia il meridionale e l’immigrato. In verità, prima che voi, brutti comunisti napoletani, tiriate fuori insulti da stadio incitanti all’odio politico, questo aspetto va altresì contestualizzato. Andiamo con ordine, Umberto Bossi inizialmente aveva fondato un movimento in cui si grugniva, si andava in coma etilico con grappa e lexotan e si scoreggiava bestemmiando. La svolta anti sud e xenofoba è da imputare a  Lino Banfi e al cinema americano. Una sera tutti i leghisti andarono a vedere “Senti Chi Parla 2”, sèguito di “Senti Chi Parla”. I militanti di Bossi, credendo che si sarebbero ammazzati di seghe con le tette di Kristy Alley, ignorando del tutto il film precedente a questo e quindi il contesto di commedia leggera, si arrabbiarono non poco. Erano pronti con il fallo in mano e invece nel film c’era un bambino di colore, Eddie, che era doppiato da Lino Banfi (terrone).

“La Alley non si spoglia perchè c’è chel negher de l’ostia che parla pure en terùn!” Gridò Bossi nella sala. Dopo una maxi rissa rividero lo statuto della Lega Nord: d’ora in avanti ci sarebbero stati sempre grugniti, alcolismo, rutti, peti e bestemmie, solo che tutto ciò sarebbe stato scagliato contro gli extracomunitari e i meridionali.

EVOLUZIONE DEL PENSIERO LEGHISTA

Mentre nella sede nazionale del partito, sotto Natale, si impacchettavano giocattoli con l’antrace da destinare ai bambini di Grumo Appula, Mario Borghezio era in bagno da ore a vomitare come un pozzo di petrolio. La sera precedente si era scimmiato di grappa e Lisomucil per cercare di sopprimere una cocente delusione amorosa. Il Borghezio, da tempo, si frequentava con una fioraia cieca. L’aveva conosciuta perchè spesso andava a comprare crisantemi da spedire in Nordafrica quando c’era l’Ebola. Ora, la delusione amorosa. Che accadde? Accadde che la ragazza stava pomiciando con un romano di origini Afghane. Borghezio vide tutto e giù a bere per dimenticare (che poi i neuroni son pochi, ha rischiato la morte cerebrale).

“Secessiooooneeeee! Roma ladroonaaa!” Urlò Borghezio al 34simo bicchiere di grappa e Lisomucil. Quindi non solo anti immigrati e anti meridione, ma anche secessionisti e anti-romani. Mentre aggiornavano i punti programmatici del partito passò di lì Saddam Hussein e si grattò le palle.

Tutto questo accadeva dal 1993 al 2002. Dal 2003 in poi la Lega aggiunse un ulteriore punto al programma: uscire dall’euro e condizioni di lavoro vantaggiose per tutti. Hanno ragionissima, se ci pensate. Vi sembra giusto che il leghista dopo aver rischiato la vita bruciando campi rom non venga ricompensato e assicurato per il lavoro fatto? Ma dài, brutti eurocrati comunisti culattoni.

Ultimamente in Legoland (non i mattoncini, ovviamente) ci si è accaniti anche contro gli omosessuali. Non aggiungiamo altro, anche perchè ogni volta che si parla di omofobia Vladimir Putin prende i soldi dalla Siae.

Ecco qui un video in cui si coglie tutta la profondità da statisti dei leghisti:

Anche Dio, per qualche anno, votava Lega.

Anche Dio, per qualche anno, ha votato Lega.

ELETTORI FAMOSI

  • Chuck Norris (lui c’è sempre).
  • Pennywise Il Clown Balzante.
  • La Regina Grimilde.
  • Il Dottor Male.
  • Il cappello di Luca Sardella.
  • Sirio Il Dragone (prima della svolta busona)
  • Tuo Zio.
  • La Brunetta Dei Ricchi e Poveri.
  • Carlo Martello che ritorna dalla battaglia di Poitier.
  • He Man (come Sirio, prima di…)
  • Il Joker (quei capelli verdi, secondo Gentilini, sono un vessillo autorevole).
Annunci

IL CORAGGIO DI UNA DONNA: SCEGLIE DI FINIRE NELLE MANI DELL’ISIS PIUTTOSTO CHE SPOMPINARE GIGI D’ALESSIO

passamontagna-e-mitragliatrice-illustrazione-vettorialeGiannavacca Cluniacense, 34 anni, ha avuto due incontri ravvicinati con pericoli mondiali in 24 ore. All’uscita del liceo dove lavora, la donna ha incontrato il cantante Gigi D’Alessio che, in astinenza, le ha chiesto del sesso orale. La Cluniacense rifiuta e va via. Dopo pochi metri incontra tre guerrieri dell’Isis, che sono intenzionati a rapirla in quanto Rosy Bindi, prima scelta dei terroisti, si è rivelata troppo spaventosa. Circondata fra due orrende proposte, la donna sceglie di consgnarsi, eroicamente, all’Isis.