MUSEO FANTASY

La differenza si può e si deve fare. In una città come Lecce, obnubilata da un eccessivo campanilismo tendente a diventare la caricatura di sè stesso, esiste un angolo di resistenza umana dedicato a noi poveri nerd della cinematografia di genere e anche a chi considera l’arte non un mero “posonare” continuo in mostre allestite in contesti spesso fuori tema. Sto parlando del Museo Fantasy, fondato, allestito e gestito, peraltro, da due pugliesi: i fratelli Magrì. Questi due gemelli di Mesagne, che ho avuto il piacere di conoscere casualmente durante una delle mie lunghe pedalate per il centro, con il modico prezzo di due euro vi catapultano nel mondo degli effetti speciali cinematografici. Proprio quelli che si facevano nella golden age della celluloide, al pari di Dick Smith (realizzatore degli effettti per “L’Esorcista”), Carlo Rambaldi (E.T. e King Kong sono suoi) e Tom Savini.

Questo “Mondo Furbo” si trova vicino alla famosa libreria Liberrima e ad accogliere gli avventori c’è un manichino a grandezza naturale con le fattezze di un Ennio Fantastichini a dieta; pupazzone che molti scambiano per vero. Tutto ciò che vedrete nel Museo Fantasy è farina del sacco folle dei gemelli Magrì, i quali, sin da ragazzini, realizzavano diorami, pupazzi, primi effetti speciali e maschere. Questi due stregoni buoni hanno lavorato per registi famosi come Dario argento (in “Non Ho Sonno”), Sergio Rubini (L’Uomo Nero”), Timur Bekmambetov (“Ben Hur”), Julie Taymor (“Titus”) e Roberto Benigni (“Pinocchio”).

Corrado direbbe “E non finisce qui…”, infatti gli estrosi fratelli hanno truccato il mitico Robert “Freddy Krueger” Englud in quel capolavoro del mochumentary che è “Il Ritordo Di Cagliostro”, scritto e diretto da Ciprì e Maresco. Ne approfitto, già che mi trovo, di segnalare i loro due film, vale a dire “Stranieri” e “Withe Scarlet”; li vedrò e vi saprò dire, certamente non c’è da restarne delusi.

 

 

Concludendo il tour museale Magrì, non si può non parlare dei loro lavori extra-filmici, vale a dire diverse realizzazioni scultoree o addirittura vere e proprie piccole installazioni scenografiche, che nel loro realismo/surrealismo/paradosso metaforico dicino la loro sulla società.

E pensare che stavo girando in via Palmieri per tornare a casa…

Altre Foto:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Francesco Pasanisi.

 

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...