MUCCINO: “STIMO BOCELLI, MA NON COME GUIDATORE”

blogdicultura_9e166de47c07a74293d5ea1fd6d86898-640x357Gianfantozzo Spinaceti, manager del regista Gabriele Muccino, inoltra alla redazione di “Il Pomeriggio Tardi”, giornale locale del paese Stupraminchio Senzaguanti, dopo le accese polemice circa l’opunione su Pasolini, questo seondo parere su un altro artista: il cantante Andrea Bocelli.

“Lo stimo come cantante e tenore, ma come guidatore ha sminuito l’automobilismo” Dichiara Muccino.

Halloween Zombie Walk 2013 @Lecce

Anche quest’anno, non cambiareee. Stessi zombi da resuscitareee….

Clicca sull'immagine per accedere all'evento :)

Clicca sull’immagine per accedere all’evento 🙂

Ebbene sì, la tradizione continua in quel di Lecce. Quest’anno, come ogni Halloween dal 2011 a questa parte, ritorna la Zombie Walk. Ricordiamo la prima, ideata ed organizzata dalle zombette Ilaria e Benedetta, a cui noi della Easy Phoney abbiamo dato supporto video e diffuso la notizia sui giornali locali ed un’intervista alle due pazze su questo stesso blog e su un quotidiano locale grazie al nostro amicone Ennio Ciotta.

Indimenticabile anche la seconda Zombie Walk, soprattutto perché ideata ed organizzata proprio da noi, della Easy Phoney Production, con tanto di evento, articoli, filmati e comunicati stampa. Sfortunatamente, le adesioni erano pochine rispetto all’edizione 2011 (c’erano solo 16 non-morti), ma questo fu dovuto all’incertezza meteorologica di quei giorni, che più volte, passando notti e giorni interi sul sito del meteo, ci ha fatti stare in ansia sull’amletico dubbio del “farla o non farla?”. Nonostante ciò ci siamo divertiti alla grande e qui sul blog troverete anche un articolo corredato di foto e video della Walk 2012, così come troverete il video della Walk di Ilaria e Benedetta dell’anno prima. Aggiungiamo, inoltre, che senza lo spunto delle due zombette noi non avremmo pensato di organizzare la nostra (dubbi su autorizzazioni e affini, poi sfatati, ci bloccavano) quindi le ringraziamo ancora.

Dopo questa lunga digressione sulle Zombie Walk leccesi, passiamo a quella di quest’anno. La Halloween Zombie Walk 2013 conta un apparato organizzativo più vario e più solido. Se la prima fu solo organizzata da Ilaria e Benedetta e la seconda ha visto noi come ideatori della manifestazione mortifera, a ‘sto giro abbiamo unito le nostre forze per fare una cosa migliore, più ricca e speriamo per voi ancor più divertente. La Easy Phoney Production è la “spalla” tecnico-organizzativo-comunicatrice di tre zombette, che rispondono ai nomi di Ilaria (spesso citata qui nel pezzo), Franceca ed Erika. L’idea di partenza è loro, noi diamo una mano con le rogne giornalistiche, tecniche, facebookiane e, naturalmente, saremo lì a zombare.

Vi aspettiamo, quindi, il 31 ottobre alle18.30 circa al Parco di Belloluogo (Lecce) per poi spostarci nel centro storico in una putrida marcia dinon morti altamente affamati e fisicamente disorganizzati e putrefatti. Per il trucco suggeriamo il fai da te, come ogni anni, ma eventualmente vi daremo altre info sull’evento Facebook. Vi aspettiamo fuori dalle vostre lapidi.

A Bièn Tot.

Francesco Pasanisi

Eventi seri di fotografia a Campi

Marco Rizzo, detto Skacco. Dj e soprattutto fotografo leccese. Questo signore è ben conosciuto da noi della Easy Phoney Production, esend abituali avventori del circolo Arci Zei Spazio Sociale, associazione di cui Skacco fa parte. In ambito musicale i suoi dj set spaziano nei più vari generi e ci fanno fare più di quattro salti ogni volta che è in consolle, la cosa, però, che proprio a lui piace e che la fa molto bene è fotografare. Non vi anticipiamo niente (sarebbe quasi uno spoiler), ci limitiamo a postare qui una foto e ad avvertire tutti i salentini e non che dal 20 al 25 novembre a Campi, presso la chiesa di S. Giuseppe, Skacco esporrà i suoi lavori. L’evento è all’interno del progetto Città del Libro 2012.

Vi aspettiamo a Campi Salentina, Chiesa di S. Giuseppe dal 20 al 25 novembre. Ore 09.00-13.00 e al pomeriggio dalle 16.30 ale 20.30.

Ed ecco a voi la locandina dell’evento ed una foto come antipasto:

Sfatiamo questi miti seppur accattivanti…

Guardate questo video, e diteci se, effettivamente…

Primo spezzone: Che la ragazzina abbia gli occhi luminosi, è l’effetto del sensore CCd infrarosso delle videocamere. Secondo spezzone: l’orologio a muro è palesemente di cartoncino (lo si capisce dal NON rumore che fa cadendo), qualcuno da dietro una parete finta lo ha girato e rigirato tramite ferma-campioni. Il calzino esce da un cassetto aperto in stop motion (notare la rigidità) e lo stesso calzino è mosso dal nylon, si nota il lembo a cui è appeso e si intravede il filo mentre esce dal mobile. Tra la scena e Gesù che sanguina (stop motion con software grafici) c’è uno stacco di immagine.Terzo spezzone: il volto sulla finestra e poco definito e l’effetto si può ottenere anche con paint.Quarto spezzone: è un’ombra con un cappuccio, che può fare qualsiasi cretino.Quinto spezzone: notare che la porta è inquadrata senza mostrarne la fine. Chi ci dice che qualcuno, da sotto e steso, non l’abbia potuta aprire?Sesto spezzone: anche qui ci può essere la complicità di qualcuno, nascosto magari nella vasca, che cambia oggetto per ognuna delle due aperture di porta. Ovviamente è molto buio, perciò molto semplice illudere il pubblico.Settimo spezzone: qua la fanno proprio sporca. Stop motion a manetta. La porta che si apre sembra un’inquadratura piena di tagli (uno sicuramente era nascosto dentro) e quella presenza che ogni tant si mette in mezzo alla ripresa è facile da fare con un pezzo di stoffa sostenuto da un filo e una canna. Se i mobili non si muovono in stop motion rimandiamo allo spezzone della prima porta: il mobilio è filmato snza vederne la fine e qualcuno, quindi, può darsi che sposti tutto da sotto.Ottavo spezzone: che ci vuole con i software di grafica a fare l’effetto dello specchio?

RIVOLUZIONE CULTURALE!

Certamente il titolo può risultare stantìo, anacronistico persino, tuttavia non c’è niente di più immediato. In Italia tutto quanto è farraginoso (burocrazia, enti pubblici ecc…) e anche la cultura non scherza. Easy Phoney Production nasce, principalmente, per dare una rinfrescata a quella cultura italiana che oggi, abbandonando pilastri cinematografici, musicali e letterari, si culla in un effluvio di introspettività intimista filosofeggiante, di ribellismo giovanile talmente sforzato da sembrare comico e quell’insopportabile “dottrina” radical chich che, in molti casi, vive per “cassare” tutto ciò che è più “pop” o meno buonista in favore di melense opere musicali, letterarie e filmiche che sanno di tutto meno che di prodotti culturali.

La cultura italiana che auspichiamo è meno legata a questi dogmi e più aperta a quella branca di “brutta gente” (come noi) che fa dell’umorismo nero e scorretto e dell’irriverenza il proprio cavallo di battaglia. se un cartoonist nel nostro paese inventasse un qualcosa come “I Griffin” o “I Simpson”, verrebbe di sicuro spinto (non messo, SPINTO!) nel dimenticatoio.

Nel cinema, invece, l’unico che potremmo ammirare è Sorrentino, il quale è apprezzato da parte dell’ambiente cinematografaro ufficiale grazie alle sue opere che, come intenti, ci sono molto vicine (eccezion fatta per alcuni momenti di lentezza).

Parliamo di fumetti. Non stiamo messi male, ma si nota una certa edulcorazione di ciò che prima erano le avventure di carta vissute da Dylan Dog e simili.

La letteratura è u velo pietoso. Una parata di radical chic e di paranoici intimisti neo figli dei fiori che ubriacano i cervelli di chi legge (e sono pure pochi) con idee malsane alla bimbominkia segaiolo mentale. Lo stesso vale per la musica. Hanno distrutto il rock i vari Brondi ecc…

Ci vuole, in altre parole, la proverbiale “aria nuova” nel mondo culturale italiano e noi ve ne stiamo offrendo un modello: l’info-tainment “cattivo”.

MORANDO MORANDINI A LECCE

Il grande giornalista cinematografico Morando Morandini a Lecce interviene su cultura e società.