VIMINALE: SGOMBERARE I POSTI DI LAVORO OCCUPATI

Fonte: il nostro inviato Renzo Filini.

Una nota dal cognato del bisnipote del secondo del vicesottosegretario agli Interni Giandanielo Danzatrone. A fronte del giro di vite sugli stabili occupati si è pensato di estende il provvedimento a qualunque cosa sia occupata da qualcuno, quindi entro tre mesi il decreto riguarderà anche i posti di lavoro occupati.

 

Annunci

LEGITTIMA DIFESA, SE UN LADRO E’ STATO FERITO DAL PADRONE DI CASA PUO’ SPARARGLI PER REAZIONE

Altri emendamenti sul dl Legittima Difesa fortemente voltuto dal ministro delll’Interno. Questa modifica al testo è stata scritta e poi approvata da Ludosecrio Slurpafregna, deputato di maggioranza. Secondo questo , il ladro ferito dal padrone di casa può, appunto, sparargli a sua volta per difendersi e ciò può andare avanti finchè uno dei due non è morto.

ANALFABETA FUNZIONALE VEDE “FILADELFIA” E NON COMPRA PIU’ CREMA SPALMABILE PER PAURA DI DIVENTARE GAY

Sassaruto Piastraculi, geometra del comune di Venchi Lombardo, aveva appena finito di visionare nel pomeriggio il famoso film “Filadelfia” (1991) di Johnatan Demme, pellicola che affronta il tema dell’omosessualità correlata all’aids. Il Piastraculi, in preda al terrore, dopo aver postato sul proprio profilo Facebook ciò che vedete in foto, ha dichiarato di non voler più comprare crema spalmabile per non contrarre la letale omosessualità.

LORELLA CUCCARINI: SECONDO KEYNES L’ITALIA NON POSSIEDE UN GETTITO TALE DA CONSENTIRE UNA GOVERNANCE SOVRANAZIONALE COME L’UE

All’università di Palo Alto, questa mattina, in una serie di seminari sull’econimia globale, è intervenuta, introdotta da Alan Friedman, la nota studiosa Lorella Cuccarini. Essa si dichiara preoccupata per la situazione italiana proprio in base al suo semper fidelis pensiero keynesiano sul gettito che da sempre la contraddistingue nei suoi scritti di politica monetaria e lectio magistralis sul diritto internazionale.

MANINA SUL DECRETO FISCALE, SPUNTA IPOTESI NANDU POPU E SERVIZI SEGRETI

Non si arresta la polemica sull’ipotesi di complotto circa il decreto fiscale. La famosa “manina”, diventata ormai oggetto di dileggio sui social nei confronti del ministro Di Maio, fra le tante identità a lei addotte in un mare di ipotesi, spunta l’appartenenza a Nandu Popu, noto musicista ed autorevole politologo, recentemente assunto nei Servizi Segreti proprio per la sua grande dimestichezza con la lingua italiana e la dialettica. “No ai poteri forti” è il mood di codesta querelle e noi andremo avanti a raccontare la verità senza paura.

RAZZISTA LECCESE SCRIVE MALE COMMENTO CONTRO IL SINDACO E LO SCAMBIANO PER UN CLANDESTINO

All’indomani dell’iniziativa del sindaco Carlo Salvemini di dare, simbolicamente, una sorta di ius soli a 200 bambini migranti a Lecce, c’è stato un boom di commenti in vago odore di disapprovazione. Fra questi, spicca quello di Santuronzu Rapanfucàta, che, per quanto era mal scritto, l’ufficio immigrazione, una volta letto, ha equivocato scambiandolo per un clandestino.

BALLOTTAGGIO LECCE, RUBERTI FA COMPROMESSO: VOTERA’ CON LA MATITA DI PIERO PELU’

In un post su Facebook di questa mattina, l’ex candidato sindaco Luca Ruberti, Lecce Bene Comune, ha espresso il suo palese dissenso circa il voto del ballottaggio che si svolgerà domani. Il noto politico locale ha poi ridimensionato il proprio afflato pasionario che prevedeva il personale annullamento al voto dopo l’apparizione in sogno di

Palmiro Togliatti, il quale lo ha redarguito circa l’importanza della scelta elettorale in base soprattutto allo sconfiggere gruppi di potere. Ruberti ora ha deciso che farà la propria scelta domani 25 giugno alle urne, ma userà la famosa matita di Piero Pelù, nota per esser stata cancellabile durante il refendum dello scorso 4 dicembre.