COMUNALI LECCE: RIPA, HO BIONDATO TRUMP E COMUNQUE HA VINTO, BASTA BATTUTE!

Il noto filantropo e politico leccese, noto per il suo aplomb e per un incondizionato amore che ha sempre avuto nei confronti della democrazia, della socialità e dell’inclusione, non potevamo che parlare di Giuseppe Ripa, smorza le polemiche e le fescenniniche battute su un suo più che legittimo rispolvero della glottologia vernacolare, ossia il “biondare”, utilizzato in quello che sembra un post, ma in realtà è un supremo atto d’amore e di umiltà a fronte dei risultati elettorali.

Ripa, aggiustando una giostra per bambini al parco di Belloluogo, afferma che ebbe biondato Trump, prima era castano, e che grazie a ciò ha vinto in Usa.

ANTONIO RAZZI SU MALATI DI SLA, BASTA IMMOBILISMO

antonio-razziAffondo dell’autorevole Antonio Razzi, senatore abruzzese da anni impegnato nelle lotte sociali, in special modo riguardo a donne, omosessuali e disabili. Durante la sagra del sorcio impestato, dopo diversi bicchieri di anisetta vinti al tiro assegno agli opossum, Razzi denunciava immobilismo sulla questione SLA.

WELFARE E INTEGRAZIONE: ARRIVANO GLI INDIANI DEI CRISANTEMI

no-grazie-vera-vita-venditori-roseA fronte di una sempre più crescnte crisi ed una altrettanto crescente immigrazione, il ministro del lavoro Poletti introduce, dopo quella degli indiani delle rose già esistente, la figura degli indiani con i crisantemi. Questi lavoreranno durante funerali e nei pressi dei cimiteri.

A ESAME ORALE STUDENTE DICE “INNI” E “UNNU”. TRENTA E LODE CON PROPOSTA DOTTORATO

universitaAccadde ieri, all’Unisalento. Tale Gianroberto Spacciacapre, studente, ad un esame ha detto “inni” al posto di “In” e “unnu” al posto di “Un”. Il docente lo ha subito premiato con un trenta e lode e gli ha fatto proposta di dottorato “per l’eloquio brillante e perfetto” citando le parole del docente stesso.

GLI SFILM: 50 SFUMATURE DI NERO

50sfumaturenero

La locandina. Lei fissa il cameraman perchè lui ha scoreggiato.

Puntuale come un becchino ad un fine veglia funebre, a San Valentino è stato cagato fuori il sequel del piuttosto discutibile “50 Sfumature Di Grigio”. In una solitaria sera leccese infrasettimanale, il vostro presidente della EPP, se lo è andato a vedere, restando, pertanto, ampiamente in tema con l’argomentazione preponderante di codesti film: il masochismo. Nella pseudo pellicola ritroviamo Anastasia (ribatterzata per ambo le due inutili ore come “Ana” e non vi dico il doppiosensismo che ne è uscito fuori) che reincontra il riccone belloccio e un po’ stronzo con la mania di sedurre ed abbandonare e abbandonarsi al masochismo altrimenti il sangue da quelle parti lì non gli affluisce.

Non abbiamo trovato la sequenza dello stendino, uno vero, però, rende l'idea comunque.

Non abbiamo trovato la sequenza dello stendino, uno vero, però, rende l’idea comunque.

In questo “Numero Due”, però, il tizio di cui sopra pare sia folgorato sulla via di Damasco. Si motra sì incline allo scoppiare di mazzate e all’uso di pratiche masochiste (la nostra preferita è una specie di asta per i selfie legata alle estremità ad ambo i piedi al fine di rendere la donna amata una specie di stendino urlante) tuttavia promette ad Ana (il primo che storpia il nome in maniera scurrile lo fratturo) una vita in cui conviverà il masochismo “ad Minchiam” (Cit. Catullo) insieme ad una solida love story coronata da un matrimonio.

Il film sembra un ibrido fra l’esibizione di un domatore al Circo Medrano e Dawson’s Creek, merita tuttavia una singola e una soltanto visione giusto per appianare con sè stessi eventuali disordini circa scarsa autostima ed affini. Musiche di Danny Elfman purtroppo ed insolitamente mosce ed una Kim Basinger che è lì solo per far dire al protagonista la frase più mentecatta della storia del cinema, quale: “Tu mi hai insegnato a scopare, lei mi ha insegnato ad amare!”

Francesco Pasanisi

EMILIANO RICEVE TELEFONATA PER LA NEVE, INTERCETTATO DALLA GUARDIA DI FINANZA E ARRESTATO

emiliano-fotogramma-672Il presidente della Regione Michele Emiliano, che ha messo a disposizione il proprio numero telefonico per l’allerta neve in Puglia, è stato intercettato dal comando Gdf a con a capo il maggiore Nicolazzo Blattemorte. Nella telefonata, al sentire la parola “neve”, i militari hanno spiccato un mandato d’arresto per il noto politico locale.

FIGLIO DI BOB DYLAN IN COMA, IL PADRE NON SI PRESENTA

bob-dylan-2015Ricoverato a seguito di overdose di fichi secchi presso l’ospedale “Gaetano Spaccimme”, il figlio di Bob Dylan è in terapia intensiva in gravi condizioni e coma. Prontamente è stato avvertito il padre, il cantante Bob Dylan, premio Nobel, he ha rifiutato di presentarsi poichè “..detesto la passerella di fotografi e fan che interrompono il mio fighissimo star sulle mie componendo canzoni di amari sentimenti ribelli agglomerando rischiaramenti dalla luna”.